Cosa stai cercando?

 

Organizzare il tuo armadio in 6 step

 

Sogni un armadio ordinato? Quello che si vede nei film e nelle riviste per interni? Non serve sognare. Con un piano di pulizia efficace, il tuo armadio sarà ordinato in un batter d’occhio!

 

 

Passo 1: fuori tutto

Tutto! Alcuni lo trovano il passo più divertente, ma per altri è un vero incubo: il primo passo verso un armadio ordinato è svuotarlo completamente. In questo modo puoi cominciare come una “pagina vuota” e valutare ogni vestito prima di rimetterlo nell’armadio o di buttarlo. Raccogli tutti i tuoi vestiti, borse e accessori e poi rimettili uno per uno nell’armadio o decidi di buttarli.

Attenzione: non perdere coraggio durante questo passo. Le pile di vestiti e altra roba che hanno trasformato la tua stanza in un deserto di spazzatura possono scoraggiarti, ma continua! Non mollare!

 

Passo 2: crea un piano per la divisione del tuo armadio

Forse eravamo un po’ troppo entusiasti della parte “raccogliere e rimettere o buttare”. Senza un piano chiaro il tuo armadio diventerà un disastro. Guarda il tuo armadio e scrivi su un foglio come vorresti dividerlo. Potrebbe essere un disegno, ma anche un resoconto di tutte le categorie che vorresti usare. Immagina: biancheria, articoli sportivi, pigiami, piccole e grandi borse, sciarpe invernali e guanti... Prevedi anche qualche scatola per riporre piccoli articoli o alcuni vestiti.

Consiglio: scegli le scatole belle per renderle più interessanti. Fanno una grande differenza soprattutto negli armadi aperti.

 

Passo 3: il vero lavoro

Prendi TUTTO E intendiamo tutto. Perché ci sono vestiti che non ti metti più, ammettilo. Sii onesto, ma non attenerti a regole inutili. Puoi tenere un pezzo se è ancora in bello stato e se ti piace ancora, anche se è molto vecchio. I calzini pieni di buchi e i jeans che non ti entrano più, invece... 

Consiglio: non sai se vuoi buttare quel vestito? Dagli il beneficio del dubbio e fai il test. Appendi i tuoi vestiti nell’armadio o sull’appendiabiti e vai avanti con la tua vita. Una volta indossato e lavato un vestito, appendilo sul lato destro dell’armadio. Puoi eventualmente appendere un appendiabiti divertente tra le due sezioni. Il vestito su cui avevi dubbi si trova ancora dall’altra parte dopo qualche mese? Allora non lo indosserai mai più ed è giunto il momento di buttarlo!

 

Passo 4: una seconda vita

Ai vestiti che non ti piacciono più o che sono troppo grandi o piccoli, ma ancora in buone condizioni, puoi dare una seconda vita. Porta i tuoi vestiti ad un negozio dell’usato o a una raccolta per la beneficenza. Un’associazione verrà a casa tua per ritirare i vestiti. Puoi anche organizzare uno scambio di vestiti con i tuoi amici. Ti risparmierà un lungo giro per negozi.

 

Passo 5: il materiale corretto per riporre i vestiti

Puoi selezionare e ordinare quanto vuoi, ma senza il materiale corretto il tuo armadio non sarà ancora perfetto. Si devono inoltre trattare i vestiti con cura. Prevedi grucce resistenti in modo che le giacche e i vestiti sensibili alle pieghe non pendano. Puoi anche prevedere una fodera per i vestiti che non ti metterai questa stagione o per i vestiti festivi che rimangono spesso nell’armadio.

Scegli le scatole da riporre ricoperte in tessuto per evitare il danneggiamento di vestiti delicati.

 

Passo 6: completa il tuo armadio

Anche quando non disponi di uno spazio separato, puoi creare la sensazione di una cabina armadio con un pouf o panca portattutto, i cestini portagioie e uno specchio lussuoso.. Lo specchio a figura intera AMALIA ha lo spazio per riporre gli accessori sul retro. Pratico, e lussuoso. È davvero smart!

 

Come hai organizzato il tuo armadio? Condividilo con noi tramite i social con l’hashtag #cosywithcasa e ispira noi e gli amanti di CASA con i tuoi consigli e sistemi per riporre più intelligenti.

 

Seleziona un negozio
In alto

Cookies

Per semplificare la fruizione del nostro sito web, CASA fa uso di cookies. Continuando a navigare su questo sito, acconsenti al loro uso. Per maggiori informazioni leggi la nostra politica sui cookies.

Maggiori informazioni